Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 592

CONSIGLI UTILI E FUTILI DAL MONDO DELLE DONNE

ODIOSE PUNTURE

della Dott.ssa Graziella Bellardini, Medico Chirurgo specialista in Endocrinologia. 

E' tornata l'estate ed anche lo sciame di insetti e le fastidiose e a volte pericolose  punture; quest'anno parte la campagna ''PUNTO SUL VIVO'' di informazione  e sensibilizzazione sulle allergie alla puntura da insetti, promossa da molti Centri di Allergologia: conoscere meglio queste allergie significa evitare di preoccuparsi per le più lievi e ricevere le giuste indicazioni per attuare la migliore prevenzione e terapia contro gli effetti più gravi.

Si calcola che il 5% degli italiani  sia realmente allergico agli  imenotteri; le reazioni alla puntura possono essere di vario tipo, impariamo a riconoscerle.

- La reazione locale è la più comune e la più innocua, non è un'allergia: essa è rappresentata da un piccolo pomfo rosso rilevato, dal diametro inferiore di 10 cm; è una reazione considerata normale e non necessita di alcuna terapia.

- La reazione  locale estesa, cioè l'area del gonfiore è superiore ai 10 cm.; non è un reazione grave, ma se è estesa ad un intero  segmento corporeo, come ad esempio un braccio, oltre alla terapia locale (ghiaccio, crema al cortisone ed eventualmente antistaminici) è necessario il trattamento con cortisone per via orale.

- La reazione generalizzata: è la reazione più  grave, può interessare nell'80% dei casi la cute (orticaria), l'apparato gastroenterico (nausea, dolori addominali), l'apparato cardiovascolare (ipotensione,  tachicardia), l'apparato  respiratorio (occlusione nasale, edema della glottide, asma) fino allo stato di  shock per le reazioni gravissime.

Queste sono le reazioni più temibili, prevenirle è molto difficile; lo scopo di questa campagna è proprio quello di far conoscere  le possibili armi di prevenzione delle reazioni più gravi. In tutti i casi sospetti si possono eseguire i test allergici per valutare i livelli di  immunoglobuline specifiche  e valutare la possibilità di eseguire l'immunoterapia mediante vaccino.

Inoltre, per i casi più gravi, nei Centri di Allergologia coinvolti, verrà valutata anche la possibilità di far effettuare una terapia auto-iniettante salvavita da parte del paziente allergico se punto dall'insetto. 

 

Leggi tutto...

E' LA VITAMINA C


della Dott.ssa Graziella Bellardini, Medico Chirurgo specialista in Endocrinologia.

In inverno, con l'influenza in arrivo, cerchiamo in tutti i modi di fare scorta di vitamina C, nel tentativo di difenderci dall'epidemia di malattie da raffreddamento. L'assunzione di questa vitamina idrosolubile deve essere necessariamente quotidiana e continuativa, in quanto il nostro corpo non riesce a farsene una scorta a cui attingere in caso di carenza; se assunta in eccesso si libera velocemente della quantità non utilizzata.
In questo periodo dell'anno, per fortuna, ci sono gli agrumi e i kiwi che ne contengono grosse quantità facilmente assimilabili, così come anche i broccoli e i cavolfiori. Questi ultimi, però, possono perdere il loro prezioso contenuto in seguito alla cottura, in quanto il calore degrada molto facilmente la vitamina C riducendola drasticamente.
Alcuni ricercatori del Dipartimento di Scienze degli Alimenti dell'Università di Parma hanno studiato i diversi metodi di cottura mettendo a confronto l'impatto sul contenuto alcuni nutrienti.
La bollitura ha il maggiore impatto sul contenuto di vitamina C, determinandone la maggiore perdita in assoluto.
La cottura a vapore riesce ad intaccare meno la preziosa riserva, mentre la cottura a microonde conserva efficacemente una buona quantità di vitamina C, anche se maggiormente nei prodotti surgelati rispetto a quelli freschi.

Leggi tutto...

VACCINO SENZA AGO


della Dott.ssa Graziella Bellardini, Medico Chirurgo specialista in Endocrinologia.

E' una vera e propria rivoluzione, si chiama Nanopatch e permette di iniettare un vaccino senza ago. Un cerotto di piccole dimensioni dal costo contenuto capace di iniettare una dose vaccinale valida ed efficace mediante il semplice contatto con la cute, sulla quale deve essere semplicemente ''premuto'' per qualche secondo. Una tecnologia di grande qualità ma di basso costo ed i vantaggi non si fermano qui: la dose di vaccino usata dal Nanopatch è 100 volte inferiore, può essere somministrata anche da personale non medico, non ci sono pericoli di infezioni post-iniezione e sono superati tutti i problemi legati alla conservazione delle dosi vaccinali.
La mancanza di ago e quindi niente dolore, potrebbe anche convincere coloro che non fanno il vaccino per paura della puntura.

 

Leggi tutto...

NERO COME IL CARBONE


della Dott.ssa Graziella Bellardini, Medico Chirurgo, specialista in Endocrinologia.

E' uno degli alimenti-novità più attraenti, il pane nero al carbone vegetale. Tradizionalmente il carbone vegetale è utile per contrastare flatulenza e gonfiore addominale ed a questo scopo deve essere assunto alla dose di 1 grammo, 30 minuti prima  del pasto e di 1 grammo subito dopo il pasto. Recentemente è diventato di moda aggiungerlo ai prodotti da forno, ma le dosi usate ed autorizzate (circa 10 grammi per chilo di farina) rimangono troppo basse per conferire al prodotto una qualche qualità salutistica ed esso rimane relegato al ruolo di un additivo colorante di un alimento che non è neanche possibile per legge chiamare "pane".
La diffusione del prodotto, che ai dosaggi usati come colorante è sicuro anche perché non viene assorbito dal nostro intestino, pone però dei problemi legati alla qualità e quindi sul controllo dell'origine del carbone utilizzato; essendo un derivato inerte della combustione del legno potrebbe contenere dei residui di composti nocivi alla salute.
Inoltre, il carbone vegetale, soprattutto se usato a dosaggi funzionali come integratore alimentare per lunghi periodi, suscita dubbi legati a possibili effetti negativi sull'assorbimento di alcuni farmaci e di altre sostanze nutrizionali.

Leggi tutto...
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione