CONSIGLI UTILI E FUTILI DAL MONDO DELLE DONNE

FAKE NEWS

della Dott.ssa Graziella Bellardini, Medico Chirurgo specialista in Endocrinologia.

Spesso i social sono veicoli di cattiva informazione che danno origine a comportamenti nella vita quotidiana dannosi se non pericolosi quando riguardano l'alimentazione.
Eccone alcuni tra i più comuni che fanno parte della campagna della Coldiretti #stopfakeatavola.
L'ANANAS BRUCIA I GRASSI: il suo gambo, che nessuno mangia, contiene bromelina, ottimo antinfiammatorio ma non ha nessun effetto sui grassi.
IL KAMUT È UNA VARIETÀ ANTICA DI CEREALE: falso, è un marchio commerciale privato americano.
I GRASSI VANNO ELIMINATI DALLA DIETA: i grassi sono indispensabili, basti pensare che dal colesterolo il nostro corpo produce gli ormoni sessuali.
GLI INTOLLERANTI AL LATTOSIO DEVONO ELIMINARE I FORMAGGI: con la stagionatura il lattosio tende a ridursi e comunque secondo le indicazioni dell'EFSA (European Food Safety Authorithy) gli intolleranti sono in grado di tollerare circa 125 ml di latte al giorno.
LO ZUCCHERO DI CANNA NON FA INGRASSARE: falso, ha le stesse calorie dello zucchero bianco.
LE BANANE SONO LE PIÙ RICCHE DI POTASSIO: tra i prodotti ortofrutticoli ai primi posti troviamo gli spinaci, la rucola e i cavolini.
MANGIARE CARNE FA MALE: il genere umano si è evoluto mangiando proteine animali, vero è che bisogna mangiarne con moderazione, ma la completa abolizione, se non bilanciata, può provocare carenze di vitamine indispensabili.
Ricordiamo che in Italia abbiamo regole produttive dei prodotti agroalimentari molto più rigorose degli altri paesi europei e che tutti i prodotti alimentari in vendita nel nostro paese, dal supermercato al contadino, devono rispettare gli stessi standard sanitari e sottostare agli stessi controlli.

 

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione