Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 592

CONSIGLI UTILI E FUTILI DAL MONDO DELLE DONNE

BROCCOLI & CO.

della dott.ssa Graziella Bellardini, Medico Chirurgo specialista in Endocrinologia.

E’ una famiglia ampia quella delle brassicacee: broccoli, cavolfiori, rape, verza, cavolo nero ed altri ancora; sono tutti molto apprezzati e utilizzati nella cucina italiana e ci accompagnano nella stagione autunnale ed invernale con sapore e gusto.
Ma ai lieti effetti sul palato si accompagnano anche sostanziali benefici per la nostra salute. Oltre ad essere un’ottima fonte di vitamina C, B, PP e provitamina A, e a contenere importanti minerali quali calcio, fosforo, ferro e potassio, i broccoli e le brassicacee sono ricchi di isotiocianati, sostanze ad alto potere antiossidante capaci di annullare e proteggere il nostro organismo dai danni provocati da fumo, inquinanti ambientali ed altri agenti ossidanti prodotti da alimentazione scorretta ed abuso di alcool.
In pratica gli isotiocianati dei broccoli in soggetti fumatori hanno dimostrato di riparare il danno ossidativo sul DNA indotto dal fumo di sigaretta. Gas di scarico, fumi del riscaldamento e della produzione industriale formano le polveri sottili, responsabili di grave danno respiratorio e le polveri ultrasottili capaci di immediato danno cardiaco e circolatorio, come dimostrato da numerosi lavori scientifici. Ebbene, l'azione delle brassicacee o crucifere si è dimostrata molto interessante per la loro capacità di rimuovere molti inquinanti dal nostro organismo. Per questa attività positiva sono altamente consigliate nell'alimentazione dei bambini e dei giovani, si ritiene indispensabile nei fumatori e negli abitanti delle grandi città. Un recente lavoro scientifico ha dimostrato che soli 10 giorni di dieta con crucifere in giovani fumatori hanno messo in evidenza un'elevata e naturale azione antiinquinamento riducendo anche gli indici infiammatori dell'organismo.

Una dieta sana ed appropriata con prodotti freschi e di stagione è quindi indispensabile per combattere lo stress ossidativo responsabile di disturbi e gravi malattie.

Vi voglio lasciare con una piccola ricetta, di cucina in questo caso, per apprezzare tutte le qualità di queste verdure in un piatto unico e molto saporito.
”Fate appassire della verza affettata finemente in olio extravergine di oliva con porro, aglio, peperoncino (se vi piace) e qualche tocchetto di guanciale, aggiungendo qualche cucchiaiata di acqua di cottura della pasta. Frullate delle fave già lessate e insaporite a piacere il purè ottenuto. Unite le due salse per condire la pasta (consiglio le reginette o fettuccine di pasta di semola) e aggiungete pecorino grattugiato”.
Buon appetito!

 

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione